www.nammurato.it

www.nammurato.it


"Nammurato", a Napoli, non è un aggettivo. E' un sostantivo: vuol dire "fidanzato".

NAMMURATO

Chi songh'io? So 'o nammurato.

Sta parola, oltre che "amante",

viene a dire "fidanzato".

Te vasasse ad ogni istante,


Cuncettì: si 'a vita mia.

Senz'e te, caro malato.

Tengo sempe nu' gulio:

so' fucuso, sto arrapato.


Sposalizio a fronn'e rose!

Ma da che t'aggio spusato

so' cagnate tanti ccose.

Né, pecchè m'aggio 'nzurato?


Né Cuncè, nun sì cchiù tu!

Chien'e tuosseco, arraggiata,

nun me fai manc'o rraù:

tu nun sì chiù nammurata!

S-MAIL

Oggi, grazie a s-mail, la nuova posta elettronica, puoi proclamarti "nnammurato". Almeno sulla carta (per così dire). Iltuonome@nammurato.it è un gran bell'indirizzo, che mette in una buona disposizione di animo chi lo riceve con la posta elettronica. Ricevendo questa tua nuova s-mail, i tuoi corrispondenti associeranno il tuo nome all'innamoramento, e si troveranno ad essere automaticamente ben orientati nei tuoi confronti (l'amore piace sempre). Quest'indirizzo farà comunque bene anche a te. Nel dirlo, e nel darlo a chi te lo chiede, entrerai sempre di più nella parte di chi ama. E poiché l'amore risponde alla legge del tutto (e tutti) o niente, o ami tutto ciò che ti circonda (la tua donna, il tuo lavoro, la gente, ecc.), o non ami nulla. Chi acquista l'indirizzo iltuonome@nammurato.it può contare su uno sconto del 50%. Riceverà infatti in regalo il suo omologo al femminile: il(suo)nome@nammurata.it. (o, naturalmente, viceversa). Saprà di certo a chi donarlo: alla donna che ama, e che lo ama.

E se non ce l'ha? Non può non avercela: non esiste nu 'nammurato senza 'na nammurata. L'amore è reciprocità. Se è unilaterale, non è amore: è invaghimento, colpo di fulmine, desiderio di conquista, sfida, bisogno di farsi del male (o di punirsi). L'amore infelice è un ossimoro, anzi è ancor meno: non esiste, se non nelle canzoni, e nei film.